Azioni Enel: analisi tecnica 2017/2018

La società Enel spa è stata fondata nel 1962 ed ha incentrato fina da subito la propria attività su un processo di forte espansione sia per quanto riguarda le ‘zone’ d’interesse che per il tipo di business ampliando l’uso di nuove tecnologie ed aprendo negli ultimi anni sempre di più al processo di digitalizzazione ed alle energie rinnovabili.

Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto l’obiettivo è di coprire almeno il 30% del fabbisogno energetico proprio attraverso le energie rinnovabili entro il 2030 e diventare un’azienda interamente carbon free prima del 2050. Queste scelte strategiche hanno permesso ad Enel di entrare nella classifica del Change The World proposto dalla nota rivista Fortune, posizionandosi al ventesimo posto sui 50 disponibili. Rimane inoltre tra le prime 60 società al mondo per fatturato realizzato.

Come si vede dalla mappa Enel oggi è presente in quasi tutti i continenti dalle Americhe all’Asia (in tutto in 29 Paesi), con una potenza complessiva installata di 83 GW. Per dimensione, territorio coperto e rete installata Enel spa rappresenta ancora oggi la più grande società di produzione di energia elettrica nel libero mercato italiano. In particolare ha recentemente reso noto che metterà in campo un’implementazione degli investimenti da fare soprattutto nei prossimi anni, che vedranno come principali destinatari soprattutto i Paesi dell’America Latina.

Nel 2016 è stata portata a compimento la scelta sull’assegnazione del ‘compendio’ dopo la scissione di Enel Green da Enel, quando il valore di concambio fu fissato a 0,486 azioni Enel per ognuna delle azioni di Green Power. Le azioni Enel hanno il codice Isin IT0003128367, sono quotate nel Ftse Mib della borsa di Milano nel supersector energia e pubblici servizi.

Dividendi e Outlook

Il dividendo più elevato distribuito ai possessori delle azioni Enel risale al 2006 quando fu al di sopra della soglia dei 40 centesimi mentre nel 2017 l’importo distribuito è stato limitato a 9 centesimi ad azione. Si tratta questo dell’importo più basso di dividendo se si guarda l’andamento degli ultimi anni considerato che il valore più basso precedentemente raggiunto e distribuito è stato di 13 centesimi ad azione nel 2014. Lo stacco del dividendo avviene a fine luglio. Per il 2017 il pay-out era stato ipotizzato al 55% mente per i prossimi anni con il nuovo piano strategico si punta a passare al 65% nel 2018 e al 70% nel 2019.

Per quanto riguarda l’otlook attribuito dalle principali agenzie di rating vediamo che solamente Standard&Poor si è sbilanciata alzandolo a positivo. Fitch e Moody’s hanno mantenuto un atteggiamento più prudente rimanendo su outlook stabile. In particolare il rating di breve e lungo periodo attribuito dalle tre principali agenzie è:

(Rilevazione al 29 settembre 2017 sul sito ufficiale di Enel)

Apprfondimento: Investire da 1000 a 10000 euro.

Previsioni

Il gruppo Enel opera nel settore energetico per cui è evidente che l’andamento delle azioni sia improntato a un’elevata volatilità (come si può facilmente evincere da un qualsiasi grafico intraday). Si tratta perciò di uno strumento finanziario adatto nelle operazioni di trading intraday ma anche a chi vuole un titolo che prevede in modo abbastanza continuativo la distribuzione del dividendo.

In particolare gli analisti di RBC Capital hanno recentemente alzato le stime sul trend del prezzo passando da un target price di 4,75 euro a quello di 5,5 euro variando allo stesso tempo il giudizio da Market Perform a quello di Neutral perform (dati Rbc Capital al 5 settembre 2017). Quindi per la fine dell’anno non si prevede un trend che riesca a fare meglio del settore di appartenenza.

Gli esperti della società di investimento Kepler Cheuvreux hanno confermato la raccomandazione di acquisto ad un target price di 4,5 euro, che è lo stesso target price e la stessa raccomandazione ‘Buy’ data come indicazione da parte degli analisti di Banca Imi (dati provenienti dai siti ufficiali e pubblicati nel settembre del 2017).

Si tratta di indicazioni fornite non dagli utenti dei forum ma da esperti di importanti società di investimento, ciò nonostante l’opportunità di acquistare le azioni Enel o di aumentarne il peso nel proprio portafogli dipende da una serie di fattori che vanno inseriti in una strategia finanziaria personale coadiuvata con un consulente finanziario (vedi anche Diversificare il proprio portafoglio).

Azioni
Azioni Carige
Azioni Enel
Finmeccanica azioni
Mediaset azioni
Azioni Poste Italiane
Azioni Unicredit

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!