Indicatori Rsi e Stocastico: i più utilizzati con i CFD

Le strategie vanno viste come uno strumento che permette al trader di trovare un metodo ordinato e organizzato di fare trading, e che, allo stesso tempo, lo mette in condizione di utilizzare alcuni strumenti specifici che cercano di supportare le sue scelte (che possono essere grafici, indicatori, ecc).

La scelta della strategia dipende però da numerosi fattori quali: lo stile di trading che si vuole adottare, che a sua volta condiziona l’orizzonte temporale e il time frame, la scelta del sottostante e la personalità del traders, e non da ultimo gli obiettivi di guadagno che si vogliono raggiungere, senza sacrificare la determinazione delle perdite massime accettabili.

Gli indicatori per il momentum: tra i più usati RSI e stocastico

Le strategie nel trading si basano su strumenti che sono in gran parte costituiti da indicatori che, sfruttando a volte calcoli matematici, e a volte algoritmi, permettono di ottenere delle informazioni utili per fare previsioni o per confermare o cambiare delle scelte iniziali. Questa è una delle ragioni per cui le strategie non devono mai peccare di flessibilità.

Tra i vari indicatori che possono essere utilizzati ci sono quelli di momentum, che danno delle indicazioni sull’ingresso per i differenti sottostanti, considerando lo “slancio” che gli investitori dimostrano verso uno strumento particolare e in un momento specifico, dettandone la direzione.

Uno degli indicatori più utilizzato è rappresentato da RSI (Relative Strength Indicator). Il suo successo è dovuto sia alla facilità di utilizzo, che alla semplicità di interpretazione del grafico. Il RSI tiene conto della forza del prezzo, indicando situazioni estreme di ipercomprato e ipervenduto che possono costituire fasi al limite per un cambio di tendenza.

Un altro indicatore di momentum utilizzato con i Cfd è lo stocastico che dà sempre indicazioni di ipercomprato e ipervenduto, ma tenendo conto della media mobile dei prezzi di chiusura di un determinato intervallo di tempo (scelto in funzione dello stile di trading che si intende mettere in atto).

I limiti degli indicatori nelle strategie per Cfd

I limiti sono gli stessi che riguardano gli indicatori utilizzati anche per altri tipi di trend. Tra i difetti principali c’è il fatto che si usano dei valori storici per poter fare delle previsioni, con tutte le limitazioni che questa scelta comporta, che viene per alcuni tipi di sottostante amplificata, proprio dalla natura altamente speculativa dei derivati in generale e dei Cfd in particolare.

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!