Come scegliere il broker Forex migliore

Avere gli strumenti necessari per fare il confronto tra broker è fondamentale per poter approdare alla soluzione migliore. Infatti lo scopo di questa breve guida è quello di comprendere tutti gli aspetti legati alla scelta del forex broker: caratteristiche della piattaforma, sicurezza dei fondi, regolamentazione, spread fissi o variabili, tipo di operatività e supporto offerti, sono solo alcuni dei punti sui quali bisognerebbe focalizzarsi. Questi stessi dati vanno valutati poi in maniera differente a seconda che si decida di fare trading forex, oppure sulle opzioni binarie o sui Cfd.

Broker Forex
Deposito Minimo
Spread
Leva
Plus500
100$
2 pips
1:294
Markets.com
100$
3 pips
1:200
XEMarkets
5$
0,1 pips
1:888
iForex
100$
3 pips
1:400
eToro
50$
1 pips
1:400
Pepperstone
200$
0,1 pips
1:500
AVAFX
100$
1 pip
1:400
YouTradeFx
100$
2 pips
1:500
FxPro.it
500$
0,5 pips
1:500
ActiveTrades
250$
0,8 pips
1:400
MigBank
2.000$
2 pips
1:500
IGMarkets
1.000$
0,8 pips
1:100
Alpari
200$
1,2 pips
1:500
Saxo Bank
2.000$
2 pips
1:200
FX CM
300$
1,5 pips
1:200
Dukascopy
100$
0,5 pips
1:300
XTB
500$
0,0 pips
1:200
GK FX
100$
1,5 pips
1:400
KTM Forex
1.000$
0,2 pips
1:500
SuissQuote Bank
1.000$
4 pips
1:100
XForex
100$
2 pips
1:400
Fastbrokers
500$
2,5 pips
1:200
IronFX
500$
da 0 pips
Fino a 1:500
XTrade
100$
da 2 pips
Fino a 1:400
DirectaTrading
155€ azzerabile
da 0,3 pips
n.d.
Etx Capital
100$
da 0,7 pips
Fino a 1:200
Easy Forex
0,00$
da 1,8 pips
1:100
Key Stock
1.000,00$
da 0,3 pips
1:200
GTCM
200,00$
da 0,0003 pips
1:200
FXFlat
200,00€
da 0,8 pips
1:200
ForexMart
1,00€
2 pips
da 1:1 a 1:5000
LCG
0,00€
1 pips
1:300
Tradeo
250,00€
n.d.
1:200
Alvexo
500,00€
Da 0 pip
1:400
TeleTrade
200,00€
Da 2 pip
1:500
FXTM
100€
Da 1.3 pip
Fino a 1:1000
xCFD
10€
n.d.
n.d.
Ufx
100€
da 2 pips
1:400
iTrade
250€
da 0.7 pips
fino a 1:500
Kawase Exchange
100€
da 0.1 pips
fino a 1:500
Fortrade
100€
da 2 pips
fino a 1:200
Alfatrade
200€
da 0.6 pips
1:200
Fibo Group
300€
n.d.
1:50

Quali broker scegliere e come trovare il migliore?

Innanzitutto è bene sottolineare che non esiste un broker Forex migliore in senso assoluto: infatti i traders più esperti sanno bene che bisogna valutare con molta attenzione le proprie attitudini in primo luogo, per poi scegliere il broker che offre oggettivamente le migliori condizioni in base anche alle proprie strategie di trading. Poi c’è da considerare la varietà di strumenti sui quali sarà possibile fare trading.

Intermediari specializzati o con un’offerta più ampia: come orientarsi?

Oggi ci sono degli ottimi broker che permettono di fare trading sul forex e sui Cfd. Mentre per le opzioni binarie ancora prevale un taglio fortemente specialistico o addirittura esclusivo. Nulla impedisce però aprire conti con due o più broker, se si ha la capacità di gestire al meglio le finanze per la parte destinata al trading online.

Spread fissi o variabili ?

Un buon broker dovrebbe offrire spread bassi sulle principali valute, a prescindere dal tipo di conto aperto o dall’importo dell’operazione, senza l’applicazione di ulteriori costi o commissioni. Tuttavia spesso accade il contrario. Questo discorso non si va a sovrapporre su quello degli spread ridotti applicati a differenti account, per il cui raggiungimento possono essere necessari dei versamenti di una certa entità.

Quindi queste situazioni particolari vanno considerate solamente se l’importo richiesto per poter accedere a spread più bassi è pienamente all’interno del budget che ci si è dati per fare trading, e non vanno invece a forzare la mano verso scelte estreme. Bisogna inoltre fare attenzione a quei broker che offrono spread ridotti al minimo ma qualità dell’esecuzione pessima: in questo caso, infatti, sarà difficile raccogliere i benefici dello spread basso!

Un broker professionale dovrebbe offrire anche spread variabili (che sono più bassi di quelli fissi), per consentire una gestione ottimale dei costi di trading. Chi opera con spread fissi deve sapere che stà pagando un’assicurazione che, spesso, diventa inutile se il broker applica restrizioni durante il rilascio di news o altri tipi di limitazione (ad esempio nella chiusura delle posizioni, per l’applicazione dello stop loss ecc).
Infine, per ridurre ulteriormente i costi, sarebbe utile orientarsi verso broker forex che offrono frazioni di pips che, oltre a ridurre lo spread, consentono di avere quotazioni più accurate.

Attenzione all’affidabilità del broker!

Un aspetto che dovrai considerare a prescindere dal tipo di conto aperto, dalla piattaforma utilizzata o dagli spreads, è quello dell’affidabilità di un broker: spesso chi offre le migliori condizioni si trova anche nei paradisi fiscali.

Un buon broker dovrebbe avere tra le priorità quella di garantire la sicurezza e l’integrità dei conti dei propri clienti: capire quali sono le banche depositarie, il rating e gli organi di controllo è un must per il trader ed un dovere di trasparenza per il broker!

Nelle nostre recensioni potrai trovare informazioni dettagliate sulle garanzie prestate dall’intermediario e la regolamentazione a cui fa riferimento. Anche qui va però detto che la normativa non impone ai broker stranieri che rivolgono la loro offerta anche agli italiani di ottenere un’autorizzazione specifica Consob. Per legge è sufficiente che siano autorizzati dalle autorità preposte nel Paese in cui hanno sede legale. Ovviamente affidarsi a broker che sono anche autorizzati Consob offre una forma di rassicurazione maggiore e una tutela in più.

Piattaforme e strategie di trading

La maggioranza dei broker usa piattaforme create e gestite da società esterne. Tra queste la migliore è ormai considerata sia dai traders neofiti che da quelli più esperti o professionali, la Mt4 (disponibile da qualche tempo in forma evoluta e migliorata con la Mt5). Tuttavia ci sono ottime piattaforme di proprietà di importanti brokers che hanno conquistato un’ottima reputazione nel corso degli anni come ad esempio quella di eToro e Plus500.

Alcuni intermediari propongono invece varie piattaforme per fornire una maggiore scelta.
Come scegliere quindi? Ci si deve concentrare esclusivamente sul tipo di piattaforma che si desidera utilizzare, ed eventualmente valutare con più attenzione le potenzialità di una versione web rispetto a una con download e quelle delle app per il trading mobile. L’individuazione della piattaforma più adatta deve però considerare aspetti ulteriori e cioè:

  • il livello di personalizzazione;
  • la facilità di settaggio;
  • i servizi accessori informativi ed operativi;
  • la rapidità di esecuzione degli ordini.

Se si desidera fare trading ad alta velocità e scalping bisogna accertarsi che nel confronto dei broker, quelli che si stanno valutando offrano queste possibilità. Se così non fosse i potenziali guadagni andranno persi perché non verranno pagati dalla società, dal momento che vanno contro le condizioni e i termini di utilizzo. E’ utile se non addirittura obbligatorio valutare con attenzione anche la lingua disponibile sia per l’assistenza che per essere effettivamente informati su ciò che è ammesso e ciò che invece non è fattibile.

Formazione, assistenza e supporto

Quando facciamo il confronto tra i broker possiamo essere attratti da voci come:

  • bonus;
  • deposito minimo;
  • leva disponibile;
  • politiche sul margine;
  • rollover;
  • commissioni overnight.

Tutte queste voci, al pari dei costi e delle commissioni sono facilmente individuabili perché specificate in modo numerico. Però ci sono delle voci che non andiamo a valutare affatto fino al momento in cui si avrà una particolare necessità, o si richiederanno delle risposte.

A riguardo può essere utile guardare alle politiche sull’assistenza (tempi di risposta, canali utilizzabili, in che lingua è disponibile l’aiuto e orari di accesso), a partire dai primi rapporti con l’account manager. Anche la formazione ha un carattere fondamentale, che però va valutata in funzione del livello di esperienza personale che è già stata maturato (o che è completamente da costruire).

A chi è rivolta questa guida?

Questa guida potrà essere di supporto tanto agli esperti che ai neofiti: come avrai modo di vedere infatti, ogni articolo entra nel dettaglio dell’argomento trattato, mantenendo un lessico accessibile a tutti!

Broker Forex
Scegliere il miglior forex broker
Broker Forex con microlotti
Broker Forex deposito minimo
Forex broker con Paypal e Postepay
Bonus Forex Broker senza deposito
Broker Forex con spread bassi
Broker Forex per principianti
Broker con deposito minimo di 50 dollari
Broker Forex con Metatrader 4
Broker forex per scalping
Broker forex ECN
Broker Forex autorizzati Consob
Broker Forex con leva alta
Meglio Plus500 o eToro?
Meglio AVAFX o etoro?
Forex contest
Broker forex professionale
Bitcoin Forex Broker
Plus500 Opinioni
Plus500 demo
Come funziona Plus500
Tipi broker forex migliori
Plus500 o Avatrade
Plus500 o Xm
Xm o Markets
Plus500 o Markets
Broker forex affidabili
XM o iForex
Broker autorizzati Cysec

Miglior Broker Forex 2017

Diventa un professionista del Forex, scopri il nuovo social trading !