Correlazione valutarie positive e negative: l’importanza per il Forex

Spesso ci si avvicina al forex trading dando per scontati i cross valutari, senza soffermarsi sull’importanza che ha invece la correlazione tra le valute. Invece è fondamentale conoscere questa correlazione, ed è tanto più importante quanto meno si ha una certa esperienza nel trading (non a caso ai neofiti viene suggerito di scegliere i cross su majors di maggiore rilevanza).

Quali sono i cross di valute detti majors?

Si parla di majors quando si tratta di coppie di valute che coinvolgono il dollaro americano (USD). Un cross valutario è sempre composto quindi da due valute, una al numeratore (detta anche valuta di base) e una al denominatore (detta anche valuta quote).

Ovviamente se sale il valore del numeratore allora il rapporto cresce (con movimento rialzista) mentre quando è il denominatore a salire allora si ha una riduzione del tasso, per cui si ha un trend verso il basso (vedi anche Come leggere un grafico a candele giapponesi).

Il dollaro americano, in più, ha la caratteristica di essere, per alcuni cross al numeratore, mentre in altri al denominatore. Un aspetto fondamentale questo, che permette di mettere in correlazione, ed anche scambiare, cross che altrimenti non lo sarebbero.

Quali sono le majors?

  • Eur/Usd – euro valuta base, dollaro usa valuta quote
  • Gbp/Usd – sterlina valuta base, dollaro usa valuta quote
  • Aud/Usd – dollaro australiano valuta base, dollaro usa valuta quote
  • Nzd/usd – dollaro neozelandese valuta base, dollaro usa valuta quote
  • Usd/CHF– dollaro usa valuta base, franco svizzero valuta quote
  • Usd/Cad– dollaro usa valuta base, dollaro canadese valuta quote
  • Usd/Jpy – dollaro usa valuta base, yen

La possibile ‘duplice’ posizione del dollaro americano produce degli effetti sul piano delle correlazioni positive (che sono quelle correlazioni tra valute che in genere si muovono con lo stesso trend), e le correlazioni negative o inverse (che quindi si muovono in direzioni opposte).

Correlazioni valutarie positive e negative

La correlazione positiva si ha per quelle valute che vedono il dollaro usa sempre nello stesso posto (ad esempio numeratore con Usd/cad e Usd/Jny) oppure denominatore (Eur/Usd oppure Gbp/Usd). Invece la correlazione negativa si ha in quei casi in cui una valuta, come Usd, si trova in un cross al numeratore e in un altro al denominatore (ad esempio Usd/Jny e Eur/Usd).

Le intereazioni sono condizionate anche dall’aspetto geografico (vedi anche Analisi tecnica e fondamentale), il che può rafforzare o indebolire la correlazione stessa (i Paesi che si trovano nella stessa area geografica, ad esempio Europa, Oceania, ecc, hanno una correlazione più forte degli altri).

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!