Strategia forex: come impostare il miglior time frame scalping o day trading (daily)

La scelta del time frame costituisce uno degli elementi fondamentali da considerare al momento di definire la propria strategia da adottare nel trading forex. Bisogna subito fare una considerazione: l’analisi dell’andamento del prezzo nei diversi time frame fornisce dati di tipo “storico” in quanto si basa sui dati passati.

L’andamento del prezzo nel passato più o meno recente può, infatti, dare un’indicazione sull’andamento del prezzo in futuro, ma si tratta di una eventualità che non è detto che si presenti. Per cui bisogna imparare a gestire bene gli stop loss e la gestione del proprio denaro per limitare eventuali perdite, o uscire dal mercato nei cambiamenti repentini.

Inoltre bisogna ricordare che più i time frame sono lunghi, minori sono i “segnali” di disturbo del mercato, che a livello grafico tendono ad appiattirsi, ma maggiori sono i rischi legati all’eccessiva “stagionatura” dei dati stessi. In ogni caso la scelta dei time frame è necessaria per individuare con più facilità i momenti di entrata nel mercato e per raggiungere i propri obiettivi.

Obiettivi, momentum e time frames “multipli”

Uno degli scopi delle strategie sta proprio nella definizione di un programma che consenta di raggiungere un determinato obiettivo. Questo a sua volta cambia in funzione dell’orizzonte temporale considerato: più è breve il time frame, più ci si trova a seguire la volatilità e i cambiamenti di trend di una determinata coppia di valute.

Questo aspetto si riduce con l’allungamento del time frame considerato. Quindi è del tutto controproducente cambiare nel corso delle fasi operative il time frame (ad esempio passando dallo scalping al trading in daily) solo per seguire le evoluzioni e le direzioni del cross di valuta considerato. La scelta del time frame va fatta e mantenuta proprio nel momento in cui viene definita la propria strategia (se qualcosa non funziona date le condizioni di mercato si cambia la strategia e non solo il time frame).

Generalmente in una strategia si scelgono i time frames multipli, in quanto si sfrutta la capacità di quelli più lunghi nell’indicare l’andamento dei prezzi esclusi i falsi segnali, in combinazione con quelli di più breve durata che possono dare indicazioni sul momentum di entrata, ecc.

Le combinazioni dei time frame

I time frame multipli permettono quindi di orientare meglio le proprie scelte di trading, ma vanno combinati seguendo alcune regole. Prime fra tutte c’è il fatto che i time frame si combinano bene solo con determinati altri time frame, anche nella scelta di combinare quelli a breve con quelli più lunghi.

In generale vale il principio del rapporto di 1:4 o al massimo di 1:6, quindi nel caso di grafici “lunghi” ad esempio mensili, bisogna usare per l’entrata quelli settimanali mentre per quelli orari i grfici brevi dovrebbero essere invece da 15 minuti, ecc.

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!