Recensione ed opinioni Plus 500 vs Etoro: Confronto costi, piattaforme, leva finanziaria e deposito minimo

Plus500 o eToro? Questi due brokers hanno conquistato e mantenuto un’ampia fetta di traders nel corso di numerosi anni, dalla loro fondazione fino ad oggi. Entrambi hanno iniziato la propria storia partendo da Londra, e per entrambi sono state fatte delle riorganizzazioni che hanno portato alla nascita di una società con sede a Cipro.

Ma soprattutto sia per eToro che per Plus500 si parla di broker autorizzati, ovvero di società che hanno ottenuto l’iscrizione negli appositi elenchi Consob (rientrano in quelli che vengono definiti “broker italiani”). Due storie che sono state caratterizzate da un lungo successo condiviso con poche altre “piattaforme” – tra le quali possiamo annoverare ad esempio Markets o Avatrade.

Inizialmente Plus500 e eToro si sono presentati come diretti concorrenti, visto che operavano in modalità parzialmente simili, al punto da essere considerati dei diretti concorrenti. Questo aspetto è stato però superato abbastanza di recente, soprattutto da quando eToro si è riorganizzato puntando in modo molto più diretto sul social trading e concentrando l’offerta sul copy trading.

Broker Forex
Deposito Minimo
spread
Leva
Promozioni
Plus500
100$
2 pips
1:200
25$bonus senza deposito
eToro
1000$
1 pips
1:400
50$ bonus presenta un amico

Realtà differenti a confronto: personalizzazione e stili differenti, come fare?

Di partenza, la grande disomogeneità che caratterizza lo stile di trading di ciascun trader rende molto complesso qualsiasi processo di comparazione tra broker. Infatti è ormai assodato e dato per scontato che la scelta di una piattaforma deve avvenire in modo strettamente personale. Tra l’altro un’operazione di comparazione che diventa particolarmente complessa quando in più si tratta di mettere a confronto due broker che offrono servizi molto differenti, proprio come è nel caso di Plus500 e eToro.

In fondo di aspetti in comune ne hanno davvero pochi che potrebbero essere semplicisticamente sintetizzati in: adattabilità della piattaforma e possibilità di uso anche per i principianti, buona attenzione alla formazione, mercati e strumenti di riferimento simili (valute e Cfd). Andiamo a considerare gli ambiti in cui Plus500 o eToro eccellono, per vedere chi dei due riuscirebbe a spuntarla nella scelta finale.

Infatti premesso che è compito dei singoli trader trovare e valutare gli aspetti che più si addicono al proprio stile ed alle strategie messe in atto, si può fare una comparazione prendendo come riferimento gli aspetti più generali ma anche fondamentali ai fini di una scelta consapevole.

Leva Finanziaria, bonus e formazione

Indubbiamente per quanto riguarda questi aspetti le differenze sono nette e non permettono di giungere a dei compromessi. Nello specifico, per la leva finanziaria: eToro prevede una leva massima di 1:400 mentre Plus500 propone una leva di 1:200. Questo aspetto basterebbe per spingere i traders neofiti ad orientarsi più su eToro che su Plus500. Tuttavia la leva non è di facile uso per cui questo dato da solo non è sufficiente per fare la scelta “finale”, anche perché in entrambi i casi è disponibile un valore leva più che adeguato.

Ad avvalorare questa posizione sulla preferenza di eToro per i traders principianti si aggiunge il programma di formazione. Oltre alla nascita della figura dei Guru, che possono emergere con le loro competenze ed esperienze partendo come semplici traders, il programma di formazione di eToro in sé risulta particolarmente curato e ricco di supporti, ben strutturato e con strumenti personalizzati.

L’aspetto della formazione invece, seppur presente rimane ad un livello essenziale e di base, con caratteristiche standardizzate nel caso di Plus500.

Invece chi è alla ricerca di bonus iniziali di ausilio per le prime fasi di trading, allora è Plus500 quello che può soddisfare meglio questa esigenza dato che offre un bonus iniziale ben definito e gratuito (25 euro di bonus senza dover effettuare alcun deposito). In più il programma dei bonus sul primo deposito (che è cumulativo con quello gratuito, purché venga utilizzato per primo quello di 25 euro prima di depositare) si conferma di anno in anno uno dei migliori in assoluto.

Con eToro si rientra invece in un programma personalizzabile ma allo stesso tempo meno chiaro su importi e tempi, con offerte random come i 50 dollari di bonus per ogni amico presentato tramite i social network. Diciamo quindi che se si stanno cercando dei buoni forex broker per principianti, fin qui la situazione è praticamente 50 e 50.

Deposito iniziale, trading ad alta velocità e “copy traders”

Se l’entità del deposito iniziale può incidere sulla scelta, specialmente per i traders neofiti, è bene considerare che eToro richiede un versamento minimo iniziale di 1000$, mentre Plus500 100 euro.

Con Plus500 si ha la possibilità i fare trading ad alta velocità (adatto ai trader esperti) mentre con eToro c’è la funzione copy traders (ideale per chi ancora non ha molta esperienza dal punto di vista operativo).

Per entrambi troviamo l’offerta di una piattaforma propria, e la possibilità di fare mobile trading con una buona scelta per i sistemi operativi compatibili con il proprio device.

Assistenza e supporto

Per i canali utilizzabili per contattare l’assistenza, si hanno situazioni simili. Con eToro potremo contare su e-mail, form di contatto sul sito e possibilità di interagire tramite la community. Invece con Plus500 oltre ai canali più statici è presente anche il servizio di chat live.

Le opinioni degli utenti sono molto positive per entrambi i servizi di assistenza, quindi il favore va accordato all’uno o all’altro in funzione delle proprie preferenze e propensioni: si ha un’anima prevalentemente social? Allora eToro risponde sicuramente meglio. Si preferisce un contatto diretto con delle risposte altrettanto dirette? Allora la live chat di Plus500 può costituire l’alternativa più indicata.

Conclusioni: quale scegliere fra Plus500 ed eToro?

Date le caratteristiche e le differenze più marcate, si può giungere alla conclusione che eToro è da preferire nel caso in cui ci si avvicini per la prima volta al trading forex, e non si abbia una grande voglia di imparare le nozioni di base del trading, per poi aumentare livello di esperienza.

Se invece si desidera imparare, o avere sempre un conto demo su cui fare esperienza senza limitazioni, ancora una volta è Plus500 a vincere il confronto. Quindi di partenza rimaniamo su una situazione 50 e 50, quindi praticamente di parità.

Mentre dipende dalle varie attitudini o esigenze personali, la preferenza da accordare all’uno o all’altro, nel caso in cui si abbia già una certa esperienza.

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!