Strategie vincenti per investire in opzioni binarie con Bande di Bollinger e MACD

Indipendentemente dal tipo di opzioni binarie scelto, soprattutto per l’intervallo di tempo considerato (dalle opzioni a 60 secondi, a quelle a 5 minuti, 15 minuti, ecc) l’uso di strategie rimane un aspetto fondamentale che sfronda le opzioni della pura apparenza di mera scommessa.

Alla base delle strategie di trading ci deve essere l’impiego di indicatori, che vanno combinati tra loro per eliminare distorsioni e falsi segnali. Tra i più usati ci sono le bande di Bollinger, l’indicatore RSI e il MACD,

RSI e le Bande di Bollinger: stessa tipologia per l’indicazione di ipercomprato e ipervenduto

Entrambi questi indicatori rientrano tra quelli di oscillazione, in quanto prendono in considerazione la volatilità, quindi le oscillazioni del prezzo che avvengono in un determinato orizzonte temporale che deve essere piuttosto breve per poterne sfruttare meglio le potenzialità.

Sia per le bande di Bollinger che per l’indicatore RSI infatti si ha l’individuazione di una zona di ipercomprato e di ipervenduto partendo dal principio statistico che evidenzia come, di norma, il prezzo, raggiunta una di queste zone, tende a muoversi nella direzione opposta.

Quindi sfruttando entrambi gli indicatori si dà maggiore forza al segnale, purché si facciano le scelte nel momento in cui il prezzo raggiunga entrambe le zone di ipercomprato e ipervenduto. Quindi se si è nella zona di ipercomprato bisogna comprare opzioni put, e nell’ipervenduto opzioni call.

Le bande di Bollinger e il MACD

L’uso combinato di questi due indicatori si adatta meglio a strategie che sfruttano opzioni binarie con timeframe non troppo brevi, in quando non si considera solo la volatilità (presa in considerazione dalle Bande di Bollinger) ma anche la direzione e la forza del trend (dato dal MACD).

Quindi dal punto di vista operativo bisogna considerare le zone di ipercomprato o ipervenduto per cogliere il momento in cui probabilmente il prezzo cambierà tendenza, sfruttando le indicazioni date dal MACD come filtro, così da avere la conferma dell’effettiva direzione e forza del trend stesso. Il che significa: acquistare opzioni di tipo put quando si è in una zona di ipercomprato e il prezzo rompe la media veloce del MACD (dall’alto verso il basso), e viceversa nel caso dell’ipervenduto per l’acquisto di opzioni di tipo call.

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!