Stop Loss e tracciamenti di supporti e resistenze nella strategia scalping di Rally Forex

La strategia rally forex, rientrando nelle strategie di scalping ad elevata velocità, per cui non è alla portata di tutti. Richiede capacità di decisione molto rapida e una buona dose di esperienza.

Per poterla utilizzare al meglio, dato che bisogna saper sfruttare i rally, è meglio impiegare strumenti grafici di semplice lettura e usare dei piccoli accorgimenti, sia nella scelta degli orari di trading che per le coppie di valute.

In entrambi i casi la parola d’ordine è la più elevata volatilità possibile, per cui bisogna orientarsi sui cross di valute più volatili (contenenti sterlina e yen su tutte), e orari in cui sono aperte le borse contemporaneamente (quindi dalle ore 9 alle ore 12 per la mattina, e poi dalle ore 14 alle ore 17 nel caso di cross contenenti anche il dollaro americano). In più bisogna porre particolare attenzione all’affermazione dei rally soprattutto a ridosso della pubblicazione di dati macro o news molto importanti.

L’individuazione del rally

Si ha un rally quando c’è una improvvisa accelerazione del prezzo di un cross di valute, sia in salita che in discesa.

Tuttavia non tutti i rally sono validi per poter mettere in atto questa strategia, o meglio non si può entrare non appena si individua un rally. Per prima cosa bisognerebbe fare i tracciamenti di supporti e resistenze che potrebbero dare successivamente una indicazione interessante sui momenti di difficoltà o ostacoli a superare determinati prezzi.

Quindi una volta individuato il rally bisognerebbe attendere il momento in cui il prezzo cambia la propria direzione di 5 pip (al massimo 4). Ovvero, nel caso di rialzo, il prezzo dovrebbe arretrare di 5 pip prima di piazzare il proprio ordine pendente mentre, nel caso di trend a ribasso, bisognerà attendere un incremento di 5 pip del prezzo. L’ordine pendente va fatto in corrispondenza del massimo (o minimo) precedente. Se l’ordine non entra allora si segue il rally e si attende il successivo momento propizio, altrimenti bisogna seguire il trend, per chiudere la posizione sulla base dei segnali rilevati accontentandosi anche solo di pochi pip.

Infatti si tratta di una strategia sbilanciata dal punto di vista del rapporto rischio/guadagno, ma con una elevata percentuale di successo se si mantiene un approccio di toccata e fuga anche nell’ottica di piccoli guadagni (comunque tipica dello scalping).

Lo stop loss e il trend

Lo stop loss va usato, per ottenere migliori risultati, proprio tenendo d’occhio il tracciamento delle resistenze e supporti. Anche perché bisogna fare attenzione al fatto che non di rado le situazioni di rally sono accompagnate dall’entrata del mercato nella fase laterale.

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!