Trend line DeMark strategia: funzionamento e possibili applicazioni

Ogni trader navigato, sa che deve utilizzare vari strumenti per supportare le proprie scelte, a partire da quelli provenienti dall’analisi tecnica che, nella maggior parte dei casi, vengono messi in evidenza tramite appositi grafici (ad esempio le candele giapponesi, le bande di Bollinger, ecc). Tra i supporti grafici, molto utilizzate solo le trendline demark (o trend line DeMark), che hanno lo scopo di rendere particolarmente chiara una tendenza di “mercato”, ovvero il trend che il prezzo di un determinato assets ha assunto.

Per cui è chiaro che ci potranno essere due situazioni utili, al fine di fare le proprie scelte di trading (il che vale due valute, opzioni binarie, materie prime, ecc) e cioè:

  • trend line rialziste: danno un’indicazione chiara del fatto che il trend o tendenza del mercato per quell’ asset sia in rialzo. Queste vengono ottenute quando unendo vari punti di minimo di un trend questi tracciano una linea con andamento crescente);
  • trend line ribassiste, che sono indicazione di una tendenza del mercato verso il basso ( si ottengono unendo vari punti di massimo che mettono in evidenza un andamento decrescente).

Come utilizzarle?

L’apporto grafico è intrinseco ed estrinseco. Quindi guardando alla trend line si hanno indicazioni chiare, a patto di scegliere con attenzione il punto di inizio e il numero di punti il cui il prezzo tocca la trend line senza però superarla. Di prassi si aspetta almeno il superamento del terzo punto prima di entrare nel mercato.

Il superamento della linea di tendenza invece sta a rappresentare la rottura di un supporto o di una resistenza, per cui è probabile un imminente cambio di trend stesso (ma si potrebbe aprire anche una fase di incertezza, ovvero una fase laterale del mercato).

In quest’ottica ci si deve avvalere di altri strumenti, anche se due punti di minimo o massimo vicini che si muovono verso il trend in modo abbastanza evidente possono già dare indicazioni più chiare della direzione che ha intrapreso (ma rimane ferma la regola di almeno tre punti prima di decidere come e verso dove muoversi).

Conclusioni

Così come avviene per gli strumenti che si basano su dati storici, e vista la discrezionalità dettata dai punti evidenziati a seconda del time frame scelto (oltre che da quelli di inizio osservazione e valutazione), le trendline demark si confermano un valido strumento, ma sempre a patto di un uso combinato con gli altri strumenti disponibili (vedi anche I rischi del trading in opzioni binarie).

Miglior Broker Forex 2017

Puoi fare trading anche sulle criptovalute!